8x1000 alla Chiesa Valdese
"Giornalismo in carcere"
progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese
Tesseramento
Provinia di LivornoComune di LivornoComune di CollesalvettiForum DrogheMovimento dei Consumatori

Circolo Arci Formazione

Via S. Omobono 1, 2° piano
0586/894003 – 0586/514583

arciformazionelivorno.it/

formazione@arcilivorno.it

L’ASSOCIAZIONE

ARCI Formazione è un’associazione di promozione sociale senza fini di lucro, che aderisce all’ARCI nazionale. È iscritta al Registro delle Associazioni del Comune di Livorno.
Nasce nel 1985 come dipartimento di ARCI Livorno e da subito dà vita a Corsi di Educazione Permanente aperti a tutti i soci.
Lo scopo principale dell’associazione è sempre stato e continua ad essere promuovere socialità e partecipazione e contribuire alla crescita culturale e civile dei propri soci come dell’intera comunità, realizzando attività socioculturali e ricreative.
Nel marzo 2009 assume la denominazione di ARCI Formazione e si trasferisce nell’attuale sede di Via S. Omobono, 1 (nel palazzo che ha sostituito quello preesistente, demolito da decenni, in cui nacque il compositore Pietro Mascagni).

I CORSI

ANNI OTTANTA: I PRIMI CORSI DI LINGUE
L’attività di ARCI Formazione nasce nel 1985 con la proposta ai soci di Corsi di Lingua Inglese.
La realtà di quel periodo offre ai cittadini soltanto iniziative promosse da grandi organizzazioni e di conseguenza rivolte esclusivamente ad una fascia di utenza elitaria.
Vista la proposta estremamente vantaggiosa in termini qualitativi, organizzativi ed economici si riscontra, sin dall’inizio, un buon interesse a livello cittadino ed i Corsi iniziano con 40 iscritti.
Punti di forza sono sempre stati soprattutto la flessibilità degli orari di frequenza alle lezioni e l’impostazione pratica e meno nozionistica rispetto ai classici programmi scolastici, avvalendoci sin dall’inizio della collaborazione di insegnanti madrelingua e bilingui, che hanno potuto mettere lo studente di fronte ad una realtà autentica ed alle varie situazioni-tipo in cui può con facilità imbattersi viaggiando, lavorando, studiando.
Grazie a queste caratteristiche innovative l’anno successivo, 1986, gli iscritti triplicano e raggiungono il numero di 120.
Con il passare del tempo giungono altre richieste di interesse linguistico da parte della cittadinanza. Nascono così i Corsi di Educazione Permanente per adulti, estendendo poi tale iniziativa anche ai bambini sia in età scolare che prescolare: lingua Francese, Tedesca, Spagnola, Russa ed infine, negli anni Duemila, Araba e Cinese.
La conoscenza di nuove lingue rappresenta infatti per le nuove generazioni un requisito fondamentale non solo per un futuro successo scolastico bensì anche per quello sociale e professionale.
All’inizio degli anni ’90 il Consiglio d’Europa sviluppa il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), sistema utilizzato in tutta la UE per valutare le abilità conseguite da chi studia una lingua straniera ed articolato secondo 6 livelli: A1, A2, B1, B2, C1, C2.
Da diversi anni ARCI Formazione utilizza il QCER nelle valutazioni di fine corso ed i suoi insegnanti possono preparare gli studenti ai relativi Esami di certificazione linguistica, erogati dai rispettivi enti certificatori: Cambridge English Language Assessment, Alliance Française, Goethe-Institut, Instituto Cervantes, Istituto Pushkin.
ANNI NOVANTA: INFORMATICA, FOTOGRAFIA, NAUTICA
Sempre all’inizio degli anni ‘90 l’informatica e l’uso del computer entrano nel quotidiano di molti, sia per l’inserimento nel mondo del lavoro, sia per l’aggiornamento delle proprie conoscenze. Gli iscritti ai Corsi di Informatica arrivano ad essere 160 in breve tempo.
Oggi, nella sede di Via S. Omobono 1 (Piazza Cavallotti), che ci ospita dal mese di Settembre 2009, ARCI Formazione mette a disposizione degli studenti un laboratorio informatico accreditato ad organizzare corsi finalizzati al conseguimento della Patente Europea “Nuova ECDL” (European Computer Driving Licence).
Inoltre AICA (Associazione Italiana Calcolo Automatico), concessionaria esclusiva per l’Italia del rilascio della ECDL, ci ha annoverato ufficialmente, da quasi 15 anni, tra i Test Center accreditati in cui è possibile effettuare gli esami di conseguimento. Attualmente siamo abilitati ad erogare esami della Nuova ECDL per le seguenti certificazioni: Base, Full Standard, Standard, IT Security, Smart, Advanced, Update Syllabus 5.0, Web Editing, Image Editing, E-Citizen, Multimedia, GIS.
È in questi anni che iniziamo ad organizzare Corsi di Fotografia tenuti da professionisti di comprovata esperienza nel settore. Gli studenti vengono guidati nell’apprendimento delle tecniche e delle conoscenze della fotografia e dell’uso del mezzo fotografico: dal b/n al colore, dalla fotografia tradizionale al digitale, dal ritratto al reportage.
Oggi le lezioni in aula sono affiancate da uscite per realizzare scatti in esterni e da attività in una sala di posa professionale. Gli studenti possono così mettere in pratica le nozioni teoriche apprese, dando vita ad un servizio fotografico – dalla progettazione alla realizzazione, fino alla post-produzione – e creando un proprio linguaggio fotografico personale.
Tra le iniziative di minor impatto numerico ma sempre comunque valide e rivolte ad una fascia di soci più ristretta, ricordiamo i Corsi di Navigazione Piana per il conseguimento della Patente Nautica.
ANNI DUEMILA: CINEMA, VIDEORIPRESE
Corsi di Cinema (regia, recitazione e storia del cinema): durante un ciclo di studi di tre anni registi ed attori professionisti hanno orientato gli studenti attraverso un percorso di acquisizione degli elementi artistici e tecnici indispensabili per avvicinarsi alla carriera cinematografica, facendone emergere e perfezionandone le capacità espressive.
Le lezioni sono state integrate ed ampliate da incontri su altri aspetti fondamentali della settima arte, dalle sue origini all’era del 3D: l’architettura nel cinema, con lo scenario che diventa esso stesso un personaggio della storia; il sonoro nel cinema e le tecniche di composizione di colonne sonore.
Al termine dei corsi gli studenti hanno realizzato dei film sulla base di sceneggiature da loro stessi scritte: dai cortometraggi del primo anno al lungometraggio finale, proiettato presso il Cinema 4 Mori di Livorno.
Corsi di Photoshop e corsi di Riprese Video e Montaggio Post-Produzione, sotto la guida di operatori professionisti che hanno aiutato gli studenti ad acquisire una maggiore consapevolezza delle strumentazioni, al fine di migliorare la qualità delle immagini e dei filmati, girare e montare da soli un video.
OGGI
La nostra esperienza ci ha permesso di capire che le cose stavano e stanno cambiando, costantemente. Per cui continuiamo a proporre corsi di Lingue Straniere (Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Russo), di Fotografia Digitale e di Informatica, oltre ai corsi di preparazione per gli Esami ECDL, aggiornando però continuamente i programmi ed i metodi di insegnamento.
Abbiamo quindi attivato da tempo Corsi di Informatica che si discostano dagli ormai noti programmi Microsoft e basati sul sistema operativo Linux. Inoltre Corsi di Web Master per imparare a realizzare siti web professionali.
Le caratteristiche fondamentali dei corsi di ARCI Formazione sono la creazione di piccoli gruppi di lavoro con un proficuo rapporto insegnanti-studenti, l’offerta di tali opportunità a prezzi contenuti, concorrenziali ed accessibili a tutti, le modalità di pagamento dilazionato delle quote sociali.
Proponiamo corsi di gruppo, corsi aziendali, lezioni individuali e soluzioni personalizzate per tutti coloro che hanno particolari disponibilità orarie o esigenze di studio specifiche, sconti per chi frequenta più di un corso.

ATTIVITÀ CULTURALI E RICREATIVE E IMPEGNO NEL SOCIALE
Nel corso degli anni ci siamo occupati di attività culturali e ricreative di vario genere: presentazioni di libri, incontri e conferenze su vari temi di interesse dei nostri soci, cene sociali.
ARCI Formazione in questi anni si è impegnata anche in attività rivolte non solo ai propri soci bensì a soggetti esterni, collaborando con ARCI Livorno ed ARCI Solidarietà.
Vogliamo a tale proposito ricordare i Corsi di Educazione alla Sicurezza Stradale rivolti ai giovanissimi di età compresa tra i 14 e i 17 anni, tenutisi presso le Scuole Medie Inferiori e Superiori della città che hanno aderito a tale iniziativa. Tra queste vogliamo evidenziare la figura dell’Istituto Tecnico Nautico “Cappellini” che per diversi anni, più di altri, ha cercato di sensibilizzare in modo particolare i propri studenti all’argomento. I Corsi si sono articolati in lezioni teoriche finalizzate ad assimilare le norme del comportamento stradale, individuare i pericoli che la circolazione può spesso presentare, acquisire padronanza ed autocontrollo, sviluppare il senso civico ed il rispetto per gli altri.
Un’ulteriore forma di collaborazione tra la nostra Associazione e le cooperative che lavorano contro il disagio e l’emarginazione sociale è rappresentata dai Corsi di Informatica all’interno della Casa Circondariale “Le Sughere”.
Tali progetti si sono rivelati, senza ombra di dubbio, innovativi, stimolanti e produttivi per i detenuti.
Allo stesso modo lo sono stati i Corsi di Lingua Inglese all’interno della Comunità di recupero per tossicodipendenti “Pian di Rena”.
Inoltre Corsi di Lingua Italiana per Stranieri e, ultima in ordine di tempo, ma non meno importante, la collaborazione con la comunità cinese di Livorno, con i Corsi di Lingua e Cultura Cinese. Le lezioni, tenute da un’insegnante madrelingua dell’Istituto Confucio di Pisa, sono rivolte a bambini ed adolescenti di origine cinese, nati in Italia. Lo scopo dei corsi è quello di non far perdere ai ragazzi la cultura di origine, facilitandone l’integrazione all’interno della società italiana.

ultime news

arcilivornoTV

Di Ornella Pucci coordinatrice nazionale Arci Politiche di genere

Quest’anno l’8 marzo coincide con i 70 anni della conquista in Italia del voto alle donne. Le recenti immagini dei visi gioiosi delle donne iraniane del primo suffragio al quale hanno partecipato credo ci abbiano ricordato come pratiche per noi scontate e diritti che dovrebbero essere universali, non lo sono affatto in gran parte del mondo. Vale la pena quindi approfittare di questo 8 marzo e viverlo come una occasione gioiosa per parlare dei nostri diritti, ricordando anche che 70 anni sono pochi e che in realtà in Italia il tempo in cui le donne non avevano diritto di voto è un tempo recente, anzi recentissimo. In Italia una donna che ha più di 70 anni è nata senza diritto di voto. È opportuno storicizzare per valorizzare il presente ma soprattutto per porre le condizioni di migliorare il futuro. Il 2 Febbraio 1945 in Italia entrò in vigore il suffragio universale esteso anche alle donne,un anno dopo, il 10 marzo 1946 votarono per la prima volta. A partire dal 1943 le donne assunsero un ruolo importante nella Resistenza italiana e quindi col procedere della liberazione entrava nel dibattito politico la questione del riconoscimento di pari diritti alla donna. Se ne fecero promotori Alcide De Gasperi (DC) e Palmiro Togliatti (PCI), nacque l’UDI (Unione donne Italiane) orientata a sinistra e il CIF (Centro Italiano Femminile) di posizioni cattoliche, entrambe queste associazioni promossero un opuscolo dal titolo Le donne Italiane hanno diritto di voto, scritto da Laura Lombardo Radice. Finalmente il 31 gennaio 1945 con il paese diviso e il nord ancora occupato dai tedeschi, il consiglio dei ministri presieduto da Bonomi emanò il decreto che riconosceva il diritto di voto alle donne italiane, che entrò in vigore il 2/2/1945, mancava però il diritto di essere candidate e quindi l’equiparazione agli uomini. Le donne italiane dovettero aspettare un altro anno perché questo diritto venisse loro riconosciuto. Finalmente lo ottennero con un altro decreto del 10 Marzo 1946 che coincise con le elezioni amministrative, prima chiamata al voto del popolo femminile, nella quale un discreto numero di donne fu eletto nei consigli comunali. Successivamente parteciparono al voto dell’assemblea costituente (2 Giugno 1946) nella quale sedettero le prime parlamentari 9 DC, 9 PCI, 2 PSIUP e una dell’Uomo qualunque. Quindi il suffragio femminile è in Italia una conquista recente se si considera che i primi movimenti nacquero in Francia nel 1700. In Inghilterra dove nacque il movimento delle suffragette si arriva al suffragio femminile nel 1928, ma la prima nel mondo fu la nuova Zelanda nel 1893. Una conquista recente e difficile come difficile è stata la sua implementazione, basti pensare alla presenza delle donne nelle istituzioni, a tutt’oggi dal Quirinale in giù, passando per il Parlamento, i Ministeri, regioni e comuni i ruoli elettivi e di nomina in rosa sono inferiori al 20 %. Come ogni anno la materia da discutere e mettere a fuoco per le lotte future non ci manca. Buon 8 Marzo a tutte e a tutti.