La Siae ha un nuovo Presidente

Di Federico Amico, coordinatore Diritti e buone pratiche culturali,educazione popolare.

Vogliamo commentare due notizie di queste settimane che magari sono passate in sordina, ma che possono rappresentare l’apertura di nuovi scenari per il mondo Arci che si occupa di cultura.

Da un lato la designazione a presidente Siae di Filippo Sugar.

Dopo le dimissioni di Gino Paoli da presidente Siae, successive all’inchiesta aperta nei suoi confronti per evasione fiscale, il consiglio di sorveglianza ha designato Filippo Sugar come presidente con 21 voti su 30, avviando un percorso che dovrà passare ora per le commissioni Cultura di Camera e Senato per concludersi con il decreto di nomina, che spetta al Presidente della Repubblica.

Con i suoi 43 anni si avvia ad essere il più giovane presidente nella centenaria storia dell’ente.

Con l’innalzamento della quota di ‘equo compenso’, ovvero il valore economico richiesto ai produttori di dispositivi digitali (telefoni, hard disk, etc.), assieme ad Audiocoop Arci aveva sollecitato il ministro Dario Franceschini a far sì che buona parte di queste risorse fosse impegnata da Siae proprio a sostegno di questo segmento. Ora, con la nuova presidenza, ci impegneremo ancor di più perché questo indirizzo si trasformi in realtà, oltre che a continuare a richiedere con forza un trasformazione di quella che è la più importante società di tutela del diritto d’autore italiana perché avvii una nuova stagione di trasparenza e collaborazione fattiva per la crescita di un settore che può davvero essere il motore per il futuro del nostro paese.

Dall’altro lato, sempre nei giorni scorsi, è giunta al termine la redazione del testo di legge delega C.2617 per la ‘Riforma del terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale’.

Ad un’attenta lettura del testo licenziato dalla Commissione Affari Sociali della Camera sembra che il settore più rilevante dal punto di vista della diffusione del no profit italiano, quello culturale (dati Istat), sia relegato alla «valorizzazione e tutela del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale» mentre nulla si dice sull’accesso alla cultura, sui diritti culturali (altrettanto importanti di quelli sociali e civili), sulla promozione e crescita delle capacità culturali, sull’educazione permanente. Ora, pur comprendendo come la legge delega non abbia il compito di declinare l’intero spettro degli ambiti di intervento per il terzo settore che sono invece definiti dalle cosiddette leggi speciali, ma di intervenire sui criteri per il riordino civilistico, normativo e fiscale del settore, resta comunque un alone che sembra confinare a quella declinazione più che parziale l’attenzione a quel mondo ricco, dinamico e numericamente assai rilevante che è il no profit di natura culturale.

Insomma questo importante passaggio legislativo (che prelude ai decreti attuativi che dovranno determinare ancora meglio la fisionomia del terzo settore tutto) crediamo che possa, nella fase di discussione parlamentare in Aula, prima del suo invio definitivo al governo, migliorare e assumere con maggiore chiarezza l’ambito culturale, perlomeno al pari dei servizi alla persona, e quindi non lasci persistere l’idea di uno squilibrio sostanziale della riforma sul solo welfare, classicamente inteso, così da far uscire dal limbo uno dei settori più interessanti e dinamici del terzo settore italiano.

ArciReport, 26 marzo 2015

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email