8x1000 alla Chiesa Valdese
"Giornalismo in carcere"
progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese
Tesseramento
Provinia di LivornoComune di LivornoComune di CollesalvettiForum DrogheMovimento dei Consumatori

ArciReport Politica locale

11/09/2016 16:25
di Tommaso Beppi

Ddl sul cinema: un labirinto complesso ma privo di una visione.

Nell’ultima seduta prima della pausa estiva, l’aula del Senato ha ascoltato la relazione sul disegno di legge di disciplina del cinema e dell’audiovisivo, pronunciata dalla senatrice Di Giorgi. Il ministro Franceschini sperava nell’approvazione almeno in prima lettura prima della Mostra di Venezia. L’intasamento dei lavori parlamentari si è messo di traverso. Tuttavia il governo ha già ottenuto un risultato, di cui è stata parzialmente vittima la stessa senatrice del PD, presentatrice nel 2015 di un testo migliore di quello piovuto dal Ministero dei beni culturali. In quello, infatti, c’era il soffio di una riforma, con la piccola rivoluzione del ‘Centro nazionale’ evocativo di un autogoverno del settore. Mentre ora, nell’articolato uscito dal lavoro della competente commissione di Palazzo Madama, si rintraccia uno scontato ‘Consiglio superiore’ dai poteri incerti, costituito da personalità di comprovata qualificazione professionale per le quali non si prevede emolumento. Quindi, precari o disoccupati di successo. E fosse questo l’unico problema. In verità, la cosiddetta riforma è un derivato del secolo scorso; un capitolo di un’infinita saga di leggi, decreti, regolamenti che hanno reso l’impianto normativo un labirinto complesso ma privo di una visione. Per di più, in questo caso, c’è pure l’insidia del gran numero di decreti delegati previsti, secondo una prassi ormai normale. Che rende, però, la normazione spesso una cambiale in bianco. Ciò non toglie che emendamenti e vigilanza operativa saranno indispensabili. Benché si tratti di un disegno di legge assai segnato dal tempo, persino nel discorso ingiallito che corre per 42 articoli. Descrive bene la situazione il volume di Simone Arcagni Visioni digitali, quando sottolinea lo spiazzamento che provoca l’era delle contaminazioni crossmediali in cui si costruiscono i nuovi immaginari. Ecco, allora, che la convivenza nello stesso ambiente da un lato appanna le differenze tra i vari mezzi espressivi, dall’altro ci interpella proprio sull’urgenza di rilanciare il cinema-cinema come cifra qualitativa per conferire senso al variopinto palcoscenico digitale. Il cinema, dunque, non tanto e non solo come singolo medium, bensì come stile e criterio produttivo. Da una riforma ci si attenderebbe, quindi, la facilitazione di un processo di connessione con la rete capace di valorizzare la creatività con e per l’innovazione: non lo stemperamento subalterno del film in un brodino indistinto e omologato. Già nell’articolo 2, dove si scrivono le definizioni, si capisce dove si va a parare: l’opera audiovisiva comprende pressoché tutto, compreso il contenuto videoludico e soprattutto la televisione. Qui sta il punto: il desiderio profondo del progetto è il finanziamento delle fiction, che forse si intende sostituire al racconto cinematografico. E non si dica che sono solo sottogeneri di un’unica forma estetica, perché non è vero. Semmai, allora, si poteva (e si doveva) incrementare l’entità delle risorse, contenute in un massimo di 400 milioni di euro presi dai versamenti di Ires ed Iva da parte di: «distribuzione cinematografica di video e di programmi televisivi, proiezione cinematografica, programmazioni e trasmissioni televisive, erogazione di servizi di accesso a internet, telecomunicazioni fisse, telecomunicazioni mobili». Alla lettera stanno fuori i veri ricchi del capitalismo cognitivo, come Google, Facebook e confratelli. È una linea o un cedimento? E neppure è la ‘tassa di scopo’ che fu immaginata nel documento di intenti del governo Prodi del 2006, concepita peraltro in un’altra stagione tecnologica, quando ancora non erano all’orizzonte gli over the top. Caso mai è il contrario, visto che il flusso scaturisce dalla fiscalità generale e non dalla parte forte della società informazionale. Se poi facciamo un po’ di conti, la cifra di 400 milioni è maggiore (di 140 milioni) del tetto attuale, ma almeno 40 di quei milioni sono dedicati alle sale e pure sul restante ‘tesoretto’ c’è molto da capire. Veniamo, infatti, al capitolo delle modalità del finanziamento. I contributi tratti dal Fondo implementato dal prelievo sono per quasi l’85% automatici, sostanzialmente appannaggio delle imprese già posizionate nel mercato; per il 15%-18% selettivi, rivolti ai ‘film difficili con modeste risorse finanziarie’. Per tradurre: le società forti e trainate dal mondo televisivo fanno la parte del leone, il resto piange. Parliamo della produzione indipendente, dei film che spesso vincono i premi e si segnalano per la qualità. La percentuale attribuita alle eccellenze e ai prototipi scende poi al 10% circa, essendo compresa nella quota una serie di voci relative alla promozione in Italia e all’estero. Si leggono tra le righe le scelte del Governo: generosa mano offerta ai produttori e alle loro associazioni, uno schiaffo all’universo degli autori e delle piccole strutture. Un’ulteriore chicca. È stata eliminata la figura del ‘mediatore o conciliatore’, immaginata per tutelare i soggetti deboli dalle storture del sistema distributivo. Qua e là si scorgono frammenti interessanti: sull’esercizio, sulla formazione, sul modello di fruizione d’essai. Sapore di miele, come il titolo di un capolavoro di Tony Richardson: un cinema che per i contributi automatici neppure esisterebbe.

commenta

You must be logged in to post a comment.

ultime news

arcilivornoTV

Di Ornella Pucci coordinatrice nazionale Arci Politiche di genere

Quest’anno l’8 marzo coincide con i 70 anni della conquista in Italia del voto alle donne. Le recenti immagini dei visi gioiosi delle donne iraniane del primo suffragio al quale hanno partecipato credo ci abbiano ricordato come pratiche per noi scontate e diritti che dovrebbero essere universali, non lo sono affatto in gran parte del mondo. Vale la pena quindi approfittare di questo 8 marzo e viverlo come una occasione gioiosa per parlare dei nostri diritti, ricordando anche che 70 anni sono pochi e che in realtà in Italia il tempo in cui le donne non avevano diritto di voto è un tempo recente, anzi recentissimo. In Italia una donna che ha più di 70 anni è nata senza diritto di voto. È opportuno storicizzare per valorizzare il presente ma soprattutto per porre le condizioni di migliorare il futuro. Il 2 Febbraio 1945 in Italia entrò in vigore il suffragio universale esteso anche alle donne,un anno dopo, il 10 marzo 1946 votarono per la prima volta. A partire dal 1943 le donne assunsero un ruolo importante nella Resistenza italiana e quindi col procedere della liberazione entrava nel dibattito politico la questione del riconoscimento di pari diritti alla donna. Se ne fecero promotori Alcide De Gasperi (DC) e Palmiro Togliatti (PCI), nacque l’UDI (Unione donne Italiane) orientata a sinistra e il CIF (Centro Italiano Femminile) di posizioni cattoliche, entrambe queste associazioni promossero un opuscolo dal titolo Le donne Italiane hanno diritto di voto, scritto da Laura Lombardo Radice. Finalmente il 31 gennaio 1945 con il paese diviso e il nord ancora occupato dai tedeschi, il consiglio dei ministri presieduto da Bonomi emanò il decreto che riconosceva il diritto di voto alle donne italiane, che entrò in vigore il 2/2/1945, mancava però il diritto di essere candidate e quindi l’equiparazione agli uomini. Le donne italiane dovettero aspettare un altro anno perché questo diritto venisse loro riconosciuto. Finalmente lo ottennero con un altro decreto del 10 Marzo 1946 che coincise con le elezioni amministrative, prima chiamata al voto del popolo femminile, nella quale un discreto numero di donne fu eletto nei consigli comunali. Successivamente parteciparono al voto dell’assemblea costituente (2 Giugno 1946) nella quale sedettero le prime parlamentari 9 DC, 9 PCI, 2 PSIUP e una dell’Uomo qualunque. Quindi il suffragio femminile è in Italia una conquista recente se si considera che i primi movimenti nacquero in Francia nel 1700. In Inghilterra dove nacque il movimento delle suffragette si arriva al suffragio femminile nel 1928, ma la prima nel mondo fu la nuova Zelanda nel 1893. Una conquista recente e difficile come difficile è stata la sua implementazione, basti pensare alla presenza delle donne nelle istituzioni, a tutt’oggi dal Quirinale in giù, passando per il Parlamento, i Ministeri, regioni e comuni i ruoli elettivi e di nomina in rosa sono inferiori al 20 %. Come ogni anno la materia da discutere e mettere a fuoco per le lotte future non ci manca. Buon 8 Marzo a tutte e a tutti.