8x1000 alla Chiesa Valdese
"Giornalismo in carcere"
progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese
Tesseramento
Provinia di LivornoComune di LivornoComune di CollesalvettiForum DrogheMovimento dei Consumatori

ArciReport Politica estera

14/12/2016 16:08
di Patrizio Valenti

La crisi politica in Gambia dopo le presidenziali

Il 1 dicembre i cittadini del Gambia hanno votato per eleggere il nuovo presidente. Yahya Jammeh, il capo dello stato uscente, confidava in una vittoria che lo avrebbe confermato per il quinto mandato consecutivo.

Le speranze dell’opposizione erano invece riposte in Adama Barrow, agente immobiliare candidato del Partito democratico unico (Pdu). Nonostante all’inizio della campagna elettorale Jammeh avesse fatto appello perché il voto fosse “libero”, nei giorni precedenti alle elezioni aveva fatto arrestare parecchi di oppositori.

Il 3 dicembre la commissione elettorale gambiana aveva dichiarato la vittoria di Barrow, un risultato che avrebbe dovuto chiudere l’epoca di un regime cominciato nel 1994, quando Jammeh aveva conquistato il potere con un colpo di stato. Il leader dell’opposizione ha ottenuto il 45,5 per cento dei voti, contro il 36,6 per cento del presidente uscente.

Il dietrofront di Jammeh
Jammeh inizialmente ha riconosciuto la sconfitta, come dichiarato anche dal presidente della commissione elettorale Alieu Momarr Njai. Ma appena una settimana dopo, il 10 dicembre, ha respinto i risultati, sostenendo che ci fossero state delle “anomalie” nel voto e nei risultati ufficiali, e chiedendo nuove elezioni. La commissione elettorale, allora, ha deciso di ricontare i voti e il nuovo conteggio ha confermato la vittoria di Barrow, anche se per un vantaggio di 19mila voti e non 40mila come annunciato la prima volta.

La mattina del 13 dicembre le forze di sicurezza del Gambia hanno occupato la sede della commissione elettorale su ordine di Jammeh, ordinando a Njai di lasciare l’edificio e vietando l’ingresso degli altri impiegati. Lo stesso giorno i presidenti della Nigeria, della Sierra Leone, del Ghana e della Liberia sono arrivati nella capitale Banjul per tentare di risolvere la crisi e convincere Jammeh a lasciare la presidenza. “Gli chiederemo di rispettare la costituzione e l’inviolabilità del processo elettorale”, ha scritto il presidente nigeriano Muhammadu Buhari su Twitter.

Le raccomandazioni dell’Unione africana
Dopo il riconteggio dei voti, il partito di Jammeh, l’Alleanza patriottica per il riorientamento e la costruzione (Aprc), ha annunciato di aver preparato la richiesta di nuove elezioni e di volerla presentare alla corte suprema. Secondo la Bbc, Jammeh avrebbe deciso di respingere il risultato quando ha saputo che ad alcuni suoi sostenitori era stato impedito di votare con il pretesto che il candidato dell’opposizione aveva già vinto le elezioni.

Il Consiglio di pace e di sicurezza dell’Unione africana si è riunito il 12 dicembre per discutere della situazione in Gambia. Il Consiglio ha concluso che il voto del 1 dicembre è stato una chiara espressione del volere del popolo gambiano e ha invitato il presidente uscente ad accettare la sconfitta “restando fedele alle parole e allo spirito del suo discorso del 2 dicembre, in cui si è congratulato per la maturità della democrazia del Gambia e con il presidente eletto Adama Barrow”.

Da L’Internazionale del 14 Dicembre 15.09

commenta

You must be logged in to post a comment.

ultime news

arcilivornoTV

Di Ornella Pucci coordinatrice nazionale Arci Politiche di genere

Quest’anno l’8 marzo coincide con i 70 anni della conquista in Italia del voto alle donne. Le recenti immagini dei visi gioiosi delle donne iraniane del primo suffragio al quale hanno partecipato credo ci abbiano ricordato come pratiche per noi scontate e diritti che dovrebbero essere universali, non lo sono affatto in gran parte del mondo. Vale la pena quindi approfittare di questo 8 marzo e viverlo come una occasione gioiosa per parlare dei nostri diritti, ricordando anche che 70 anni sono pochi e che in realtà in Italia il tempo in cui le donne non avevano diritto di voto è un tempo recente, anzi recentissimo. In Italia una donna che ha più di 70 anni è nata senza diritto di voto. È opportuno storicizzare per valorizzare il presente ma soprattutto per porre le condizioni di migliorare il futuro. Il 2 Febbraio 1945 in Italia entrò in vigore il suffragio universale esteso anche alle donne,un anno dopo, il 10 marzo 1946 votarono per la prima volta. A partire dal 1943 le donne assunsero un ruolo importante nella Resistenza italiana e quindi col procedere della liberazione entrava nel dibattito politico la questione del riconoscimento di pari diritti alla donna. Se ne fecero promotori Alcide De Gasperi (DC) e Palmiro Togliatti (PCI), nacque l’UDI (Unione donne Italiane) orientata a sinistra e il CIF (Centro Italiano Femminile) di posizioni cattoliche, entrambe queste associazioni promossero un opuscolo dal titolo Le donne Italiane hanno diritto di voto, scritto da Laura Lombardo Radice. Finalmente il 31 gennaio 1945 con il paese diviso e il nord ancora occupato dai tedeschi, il consiglio dei ministri presieduto da Bonomi emanò il decreto che riconosceva il diritto di voto alle donne italiane, che entrò in vigore il 2/2/1945, mancava però il diritto di essere candidate e quindi l’equiparazione agli uomini. Le donne italiane dovettero aspettare un altro anno perché questo diritto venisse loro riconosciuto. Finalmente lo ottennero con un altro decreto del 10 Marzo 1946 che coincise con le elezioni amministrative, prima chiamata al voto del popolo femminile, nella quale un discreto numero di donne fu eletto nei consigli comunali. Successivamente parteciparono al voto dell’assemblea costituente (2 Giugno 1946) nella quale sedettero le prime parlamentari 9 DC, 9 PCI, 2 PSIUP e una dell’Uomo qualunque. Quindi il suffragio femminile è in Italia una conquista recente se si considera che i primi movimenti nacquero in Francia nel 1700. In Inghilterra dove nacque il movimento delle suffragette si arriva al suffragio femminile nel 1928, ma la prima nel mondo fu la nuova Zelanda nel 1893. Una conquista recente e difficile come difficile è stata la sua implementazione, basti pensare alla presenza delle donne nelle istituzioni, a tutt’oggi dal Quirinale in giù, passando per il Parlamento, i Ministeri, regioni e comuni i ruoli elettivi e di nomina in rosa sono inferiori al 20 %. Come ogni anno la materia da discutere e mettere a fuoco per le lotte future non ci manca. Buon 8 Marzo a tutte e a tutti.